Fondazione Luigi Bon
Torna

Dissonanze

Comeglians
Sala l’Alpina
12 / 08
Mercoledì 12 Agosto 2015 - Ore 20:45

I CONTRAMILONGA


Fabio Furia
bandoneon

Marcello Melis
pianoforte
 

Fusione e contaminazione, equilibrio e tecnica, ma anche immaginazione ed improvvisazione. Sono questi gli elementi che caratterizzano “Dissonanze”. Nelle composizioni originali di Fabio Furia, vere protagoniste dello spettacolo, trovano sintesi gli studi classici e il suo eclettico percorso dalla musica da camera alla world music, dal tango al jazz. Una progressiva maturazione stilistica certamente influenzata dalla figura di Astor Piazzolla, la cui impronta timbrica e armonica è sempre presente tra le righe. Il risultato è un’interessante sintesi tra il mondo sonoro del jazz e quello del tango nuevo. Un mélange di forza e passione, energia e pathos, in cui si riconoscono, però, anche suggestioni classiche, nel rigore della composizione ispirata all’equilibrio della forma e al contrappunto dei grandi del passato, ma pur sempre con uno sguardo alle avanguardie contemporanee.

 

Contromilonga Ensemble nasce nel 2009 per volontà di Fabio Furia bandoneonista e compositore, leader del gruppo. Con lui, sin da subito il pianista Marcello Melis.

 

Il gruppo si caratterizza nel tempo come formazione dalle geometrie variabili: di base bandoneon-pianoforte, può prevedere la versione in trio (con il contrabbasso) o la più completa in quartetto (con contrabbasso e violino), a cui possono, di volta in volta, unirsi ulteriori e diversi accompagnamenti. Dalla loro fondazione ad oggi, hanno partecipato a concerti e spettacoli nei più prestigiosi teatri e festival in Italia e all’estero. Propongono un repertorio che spazia dal tango nuevo al jazz, sino alle composizioni originali dello stesso Fabio Furia.

Sala l’Alpina

Comeglians è uno dei borghi autentici d’Italia. Per molti anni, grazie alla sua posizione strategica alla confluenza di tre valli, fu un centro importante per la raccolta e la distribuzione del legname. Nelle borgate del paese ci sono alcuni palazzi storici come Cjasa Botêr e Palazzo De Gleria. Situata su uno sperone roccioso è la Pieve di San Giorgio (XIV secolo), al suo interno custodisce preziosi mobili in legno e arazzi di origine tedesca. È raggiungibile da Comeglians tramite un sentiero che si inerpica nel bosco. Invece dalla frazione di Tualis parte una suggestiva strada che risale il Monte Crostis. È la Panoramica delle Vette, un itinerario molto apprezzato dagli appassionati di ciclismo che raggiunge quota 1900 m. regalando una vista mozzafato sulle montagne circostanti.

 

CJASA BOTêR E PALAZZO DE GLERIA

Sono tra le bellezze architettoniche del territorio di Comeglians. La prima risale al 1579, ora luogo d’incontri culturali ed esposizioni e sede dell’archivio Giorgio Ferigo, consultabile su richiesta all’associazione omonima. La seconda è l’unica struttura carnica catalogata come Villa Veneta.

 

fotografia di Ulderica Da Pozzo

Con il supporto di:

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Comune Capofila Tolmezzo Fondazione Friuli ERT Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia Camera di Commercio Pordenone - Udine Turismo FVG

Con il contributo di:

Eurotech Legnolandia PrimaCassa Carnia Industrial Park
Secab UTI della Carnia BIM Studio Deriu Slient Alps
Privacy Policy Cookie Policy Amministrazione Trasparente Credits P.IVA 01614080305