Fondazione Luigi Bon
Torna

Italia, ovvero… Madama Verdi! Metafora ed allegoria delle donne italiane dell'800 e oltre

Enemonzo
Sala centro sociale
18 / 07
Giovedì 18 Luglio 2013 - Ore 20:45

LUCIA PREMERL Madama Verdi GIORGIO MONTE Giuseppe Verdi ENSEMBLE DELLA FILARMONICA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ENRICO COSSIO oboe e corno inglese NICOLA BULFONE clarinetto NICOLA MANSUTTI violino LUCIA CLONFERO violino MARGHERITA COSSIO viola MASSIMO FAVENTO violoncello MAURO MEROI contrabbasso MASSIMO FAVENTO Testi e trascrizioni musicali Musiche tratte dai capolavori verdiani e... citazioni a sorpresa! GIUSEPPE VERDI Les Vêpres Siciliennes, Atto III (n. 5): Ballo delle Quattro Stagioni - L’Inverno Il Corsaro, Atto I (n. 4) Medora: Egli non riede ancora Un Ballo in Maschera, Atto III (n. 16) Amelia: Morrò, ma prima in grazia Les Vêpres Sicilienne, Atto III (n. 5): Ballo delle Quattro Stagioni - La Primavera La Forza del Destino, Atto IV (n. 6) Donna Leonora: Pace, pace mio Dio Les Vêpres Siciliennes, Atto III (n. 5): Ballo delle Quattro Stagioni - L’Estate Macbeth, Atto IV (n. 4) Lady Macbeth: Una macchia è qui tuttora Les Vêpres Siciliennes, Atto III (n. 5): Ballo delle Quattro Stagioni - L’Autunno La Traviata, Atto I (n. 5) Violetta: È strano! Esiste forse un personaggio femminile che Giuseppe Verdi abbia dimenticato di mettere in musica? Nel bicentenario della nascita un affascinante itinerario tra le protagoniste dei suoi lavori può aiutarci a trovare la risposta a questo interrogativo. Il nostro compositore nazionale fu un raffinato indagatore dell’animo umano, un vero mago nella costruzione dei suoi personaggi, meravigliosamente assistito dai suoi librettisti. Quindi, rileggendo la sua opera e tessendo, un po’ per gioco, un po’ per magia, un filo conduttore che sottenda le vite e la psicologia delle sue eroine, proviamo a mettere insieme le varie caratteristiche delle “Donne verdiane”: potrebbe benissimo concretizzarsi un personaggio a cui, senza troppi azzardi, verrebbe da dare il nome di Italia, ovvero... Madama Verdi!, la Donna delle “Quattro Stagioni” dell’identità nazionale, appassionata, forte, libera, la summa del ricco ventaglio di eroine verdiane, autentica espressione degli archetipi femminili. In scena accanto a lei, Verdi stesso alle prese con i suoi appunti, i suoi spartiti e gli scritti più intimi, a renderci testimoni del suo geniale gesto creatore, nonché di un’epoca memorabile. Una produzione dell ‘Associazione Filarmonica del Friuli Venezia Giulia

Sala centro sociale

La Pieve di Sant’Ilario e Taziano è una delle undici antiche pievi della Carnia. Sorgeva nell’abitato di Enemonzo sull’antica via che percorreva la valle del Tagliamento. L’intitolazione ai Santi Ilario e Taziano, vescovo e diacono, protomartiri aquileiesi, è tipica dell’XI secolo. L’antica chiesa viene menzionata nei documenti sin a partire dal XIII secolo. L’interno presenta tre navate, con il corpo centrale di maggiore altezza, e un’abside quadrata. Conserva sul soffitto un affesco opera di Domenico Fabris raffirante l’Ascensione di Cristo (1854).

 

CHIESA DELLA BEATA VERGINE DELLA CONSOLAZIONE

Dalle 20.00 sarà aperta e visitabile la chiesa con il suo meraviglioso altare maggiore in legno intagliato e dorato.

 

8-9 e 15-16/09 MOSTRA MERCATO DEL FORMAGGIO E DELLA RICOTTA DI MALGA

Convegni dedicati ai problemi dell’agricoltura in alta montagna, chioschi enogastronomici, musica, mercatino dell’artigianato, parco giochi. Domenica 16/09 concorso per il miglior formaggio e la migliore ricotta prodotta nelle malghe carniche.

Con il supporto di:

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Comune Capofila Tolmezzo Fondazione Friuli ERT Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia Camera di Commercio Pordenone - Udine Turismo FVG

Con il contributo di:

Eurotech Legnolandia PrimaCassa Carnia Industrial Park
Secab UTI della Carnia BIM Studio Deriu Slient Alps
Privacy Policy Cookie Policy Amministrazione Trasparente Credits P.IVA 01614080305