Fondazione Luigi Bon
Torna

Massimo Mercelli flauto Thomas Sinigaglia fisarmonica

Raveo
Santuario della Madonna del Monte Castellano
05 / 08
Venerdì 5 Agosto 2011 - Ore 20:45

Massimo Mercelli
flauto

Thomas Sinigaglia
fisarmonica
 

Un Duo in viaggio per esplorare le combinazioni sonore dei propri strumenti: dall’atmosfera ricca del tango di Piazzolla alla dolcezza melodica di alcuni compositori chiave della musica brasiliana, attraverso l’estemporaneità e lo swing del jazz americano e la modernità della musica europea.

 

MASSIMO MERCELLI a 19 anni diviene primo flauto al Teatro La Fenice di Venezia, vince il Premio Francesco Cilea, il Concorso Internazionale Giornate Musicali e il Concorso Internazionale di Stresa. Suona regolarmente nelle maggiori sedi concertistiche del mondo tra cui Carnegie Hall di New York, Teatro Colon di Buenos Aires, Concertgebouw di Amsterdam, Auditorium RAI di Torino, San Martin in the Fields e Wigmore Hall di Londra, Parco della Musica di Roma, Filarmonica di San Pietroburgo, collaborando con artisti quali Yuri Bashmet, Jean-Pierre Rampal, Krzysztof Penderecki, Philip Glass, Massimo Quarta, Ennio Morricone, Peter-Lukas Graf, Aurele Nicolet, e con orchestre come Moscow Soloists, Wiener Symphoniker, Solisti della Scala, Virtuosi Italiani, Salzburg Chamber Soloists, Moscow Chamber Orchestra.

 

THOMAS SINIGAGLIA, diplomato con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio di Vicenza, ha frequentato i seminari di “Siena Jazz”. Vincitore di numerosi concorsi nazionali ed internazionali tiene un intensa attività concertistica sia come solista sia collaborando con vari ensemble. Numerose ed importarti le collaborazioni con musicisti quali Zeno De Rossi, Danilo Gallo, Giannantonio Mutto, Raffaella Benetti, Marco Pasetto, Stefano Benini, Enrico Terragnoli, Simone Guiducci, Wood Orchestra (registrando il cd “L’attesa”), Orchestra Vertical (registrando il cd “L’anniversaire”), Maler (partecipando al Premio Tenco in diretta su RaiDue), Orchestra Sinfonica Verdi diretta dal Premio Oscar Nicola Piovani.

Santuario della Madonna del Monte Castellano

Il Santuario della Madonna di Raveo è sorto a seguito di un’apparizione della Madonna verificatosi nel 1619 in questo luogo. La devozione della popolazione si adoperò subito per costruire una chiesa, dedicata alla Maternità di Maria. È situato lungo un antica via ciottolata che unisce Raveo a Valdie, Luvieis e Pani, in un luogo di sosta dove i pellegrini trovano riposo e ristoro.

Nei secoli scorsi il Santuario divenne molto popolare per il tramandarsi di fatti miracolosi legati alla resurrezione di alcuni bambini non battezzati.

 

SENTIERANDO Un’escursione a piedi, opportunità per conoscere le bellezze di Raveo, con una lunghezza di circa 3,2 km e un dislivello di 350m. di dislivello circa. Anche su strada con bicicletta ed e-bike.

 

Con Sapori di Carnia valorizza i prodotti tipici agroalimentari del territorio è festa più conosciuta del paese e si svolge sempre la seconda domenica di dicembre.

 

Il Santuario della Madonna del Monte Castellano
- 30 aprile 1619 viene chiesta l’autorizzazione alla costruzione
- 11 maggio 1619 viene concessa l’autorizzazione
- dal 5 giugno 1619 al 15 marzo 1620 avvengono i lavori
- 1 agosto 1620 il Patriarca acconsente alla benedizione
- 5 agosto 1620 l’edificio apre al culto con dedicazione alla Natività di Maria

Con il supporto di:

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Comune Capofila Tolmezzo Fondazione Friuli ERT Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia Camera di Commercio Pordenone - Udine Turismo FVG

Con il contributo di:

Eurotech Legnolandia PrimaCassa Carnia Industrial Park
Secab UTI della Carnia BIM Studio Deriu Slient Alps
Privacy Policy Cookie Policy Amministrazione Trasparente Credits P.IVA 01614080305