Fondazione Luigi Bon
Torna

Mauro Ottolini 4et

Forni di Sopra
Ciasa dai Fornés
30 / 07
Martedì 30 Luglio 2019 - Ore 20:45

Mauro Ottolini
trombone, tromba bassa, conchiglie

Marco Bianchi
chitarra

Giulio Corini
contrabbasso

Thomas Sinigaglia
fisarmonica
 

Un quartetto inedito ed eclettico dalla spiccata personalità, inventiva e carica improvvisativa. È il Mauro Ottolini 4et capitanato da uno dei musicisti più importanti del nuovo jazz italiano e da cui il gruppo prende il nome. Quattro musicisti straordinari, capaci di coniugare ricerca sonora ed estro creativo, conoscenza delle tradizioni musicali e utilizzo di strumenti come gli ottoni, la chitarra classica, il contrabbasso e la fisarmonica, con la sperimentazione e la sintesi dei nuovi linguaggi. Un concerto senza precedenti che ripercorre quasi un secolo di storia del jazz, in cui si ritrovano gli echi della tradizione italiana, del blues, del gipsy, di rumbe esotiche, tra brani di Duke Ellington, Amalia Rodriguez, Tom Waits, Don Cherry e composizioni originali, per performance esplosive condite da un costante interplay. La carriera del polistrumentista, con una speciale predilezione per gli ottoni, Mauro Ottolini è tempestata di grandi riconoscimenti, tra cui il premio della critica Top Jazz 2015 e il Jazzit Award 2018. Collabora con artisti del calibro di Enrico Rava, Dave Douglas, Paolo Fresu, Trilok Gurtu, Stefano Bollani e molti altri. Inoltre conta, tra innumerevoli concerti, numerose registrazioni discografiche con le major mondiali di settore.

Ciasa dai Fornés

La secentesca casa rurale della Busa era un tempo alloggio di uomini e animali, una residenza dove si praticavano, accanto all’agricoltura, lavori legati al ferro e alle fibre tessili. Recentemente è stata oggetto di restauro e con la sua apertura al pubblico, la struttura è stata nomi- nata Ciasa dai Fornés e al piano terra ospita un’esposizione intitolata “Il filo dei ricordi”. Forni di Sopra è conosciuta anche come località “bella fra le più belle delle Dolomiti Orientali”, come scrisse Berti, accademico del C.A.I. Frequentata stazione turistica dai primi del Novecento, grazie ad attività sia invernali come lo sci di fondo, discesa, pattinaggio su ghiaccio e snowboard, che estive come l’escursionismo e la mountain bike. Rappresenta il ponte ideale fra Carnia e Cadore, attraverso il passo della Mauria che unisce le due sub-regioni alpine.

 

15/08 46^ CIAMINADA

Corsa promozionale organizzata dalla Società Sportiva Fornese. Il percorso si svolge su sentieri e piste di fondovalle lungo due distanze: 6 km e 9 km.

 

fotografia di Ulderica Da Pozzo

Con il supporto di:

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Comune Capofila Tolmezzo Fondazione Friuli ERT Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia Camera di Commercio Pordenone - Udine Turismo FVG

Con il contributo di:

Eurotech Legnolandia PrimaCassa Carnia Industrial Park
Secab UTI della Carnia BIM Studio Deriu Slient Alps
Privacy Policy Cookie Policy Amministrazione Trasparente Credits P.IVA 01614080305