Fondazione Luigi Bon
Torna

Pavel Cyargeenka

Oltris di Ampezzo
Chiesa della Santissima Trinità
24 / 07
Venerdì 24 Luglio 2015 - Ore 20:45
Pavel Cyargeenka
chitarra classica

Pavel Cyargeenka è nato a Mogilev (Bielorussia) nel 1989. Ha cominciato gli studi di chitarra classica all’età di 14 anni presso la scuola di musica statale nella propria città. Finisce la scuola musicale da privatista in due anni (invece dei cinque previsti) e con il voto massimo entra all'“Istituto musicale statale N.A. Rimski-Korsakov” (Mogilev, 2005). Durante lo studio vince numerosi concorsi come solista e anche in duo chitarristico e vari concorsi di livello sia nazionale che internazionale in Bielorussia, Russia e Ucraina. Nel 2007 vince la borsa di studio della Fondazione del Presidente di Bielorussia per il sostegno della gioventù di talento. Nello stesso periodo frequenta Masterclass con illustri musicisti tra cui uno dei più brillanti chitarristi della generazione giovane Dimitri Illarionov. Dopo essersi diplomato nel sudetto Istituto musicale, sempre con il voto massimo, si iscrive all’Accademia musicale di stato (Minsk, Bielorussia), entrando nella classe del famoso docente Eugeni Gridiushko. Nell 2011 partecipa al Festival internazionale di chitarra a Brno (Repubblica Ceca), dove studia con lo straordinario compositore e chitarrista francese Roland Dyens. Nel 2013 si trasferisce a Trieste, dove nell’anno seguente si iscrive al Conservatorio “G. Tartini” (classe del Maestro Pier Liugi Corona). Partecipa a vari concerti a Trieste e a concorsi di livello sia nazionale che internazionale, tra cui “Omis guitar fest 2015” (Croazia), Premio nazionale “Claudio Abbado” (Lucca, 2015), XII Concorso di chitarra classica “Città di Gorizia” Premio Enrico Mercatali (Gorizia, 2015).

Chiesa della Santissima Trinità

Oltris come“oltre”, ovvero al di là del fiume, il Lumiei. È questa l’etimologia del paesino arroccato sopra Ampezzo, il cui nome compare per la prima volta in un documento del 1260 dal titolo “In Carnea in villa que dicitur Oltras”.

Risale invece al 1766 la chiesa della SS. Trinità, edificata da una più antica chiesetta votiva. All’interno si può ammirare una croce in ebano e madreperla del XVIII secolo e una Madonna con bambino del primo Ottocento, opera di Francesco di Manzano.

Il paese inoltre conserva la caratteristica conformazione del borgo medioevale con una graziosa fontana al centro della piazzetta.

 

31/10 LA NOT DA LIS MUARS

Rievocazione storica del capodanno celtico, che inizia al calare del sole e si sviluppa nei cortili e nelle contrade del centro storico, illuminati soltanto da fiaccole. Fuochi e favolosi spettacoli di giocolieri e mangiafuoco intrattengono i visitatori. Lungo le vie del paese si possono ammirare i suggestivi giochi di luce prodotti dalle zucche intagliate, avvolti dalla musica e dagli invitanti profumi delle pietanze preparate nei cortili, circondati da fantastiche figure in un’atmosfera surreale.

 

fotografia di Ulderica Da Pozzo

Con il supporto di:

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Comune Capofila Tolmezzo Fondazione Friuli ERT Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia Camera di Commercio Pordenone - Udine Turismo FVG

Con il contributo di:

Eurotech Legnolandia PrimaCassa Carnia Industrial Park
Secab UTI della Carnia BIM Studio Deriu Slient Alps
Privacy Policy Cookie Policy Amministrazione Trasparente Credits P.IVA 01614080305