Fondazione Luigi Bon
Torna

Tango e Zingarate

Paularo
Sala polifunzionale Mons. Zuliani
31 / 07
Domenica 31 Luglio 2011 - Ore 20:45

NICOLA GRANILLO
violino

MASSIMO SCATTOLIN
chitarra

STEFANO MAZZOLENI
contrabbasso
 

Un trio abbastanza singolare: violino, chitarra, contrabbasso. Il brillantissimo programma consiste in un viaggio ideale che dalla musica zingaresca ungherese, attraverso la Spagna, giunge al Tango Argentino

 

NICOLA GRANILLO si è perfezionato con Maestri quali S. Accardo, J.J. Kantorow, I. Oistrach, M. Cristescu, P. Vernikov. Dal 2001 è solista e direttore presso l’accademia di S. Giovanni Evangelista a Venezia, dove tiene numerosi concerti; suona regolarmente in Italia ed all’estero come solista con orchestra e con pianoforte (USA, Albania, Austria, Slovenia, Repubblica Ceca, Francia, Spagna). Negli ultimi anni ha vinto il primo premio in vari concorsi nazionali ed internazionali

 

MASSIMO SCATTOLIN dopo aver iniziato giovanissimo la sua attività concertistica come solista, si è meritato la dedica di opere di grandi compositori, Violet Archer ed Astor Piazzolla. Si è imposto brillantemente al pubblico in Europa e nelle Americhe. Membro di commissioni in prestigiosi concorsi nazionali e internazionali, è docente in vari corsi di perfezionamento in Italia e all’estero, ed è il primo chitarrista italiano titolare di cattedra di master al “Mozarteum” di Salisburgo

 

STEFANO MAZZOLENI Direttore d’orchestra, compositore, contrabbassista, progettista di eventi culturali e responsabile artistico di festival. Ha diretto molte orchestre sinfoniche in diversi paesi del mondo fra cui l’Italia, l’Argentina l’Inghilterra, il Messico, il Giappone, gli Stati Uniti, la Cina, Taiwan, Russia, Cuba. È stato membro della giuria in diversi concorsi fra cui il “Mario del Monaco” di canto a Castelfranco Veneto ed il “Mario Gusella” a Pescara di direzione d’orchestra ed è socio della “Società Internazionale di Musica Contemporanea” e dell’European Conference of Promoter of New Music.

Sala polifunzionale Mons. Zuliani

I reperti più antichi che testimoniano la presenza dell’Uomo sono forse alcuni oggetti di selce del Paleolitico medio comparsi tra Lanza e Valdolce ed altri, dello stesso tipo, emersi a Valbertad. Gli scavi di Misincinis rappresentano un momento di storia documentata, più ricca di informazioni circa insediamenti preromani.

Con il supporto di:

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Comune Capofila Tolmezzo Fondazione Friuli ERT Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia Camera di Commercio Pordenone - Udine Turismo FVG

Con il contributo di:

Eurotech Legnolandia PrimaCassa Carnia Industrial Park
Secab UTI della Carnia BIM Studio Deriu Slient Alps
Privacy Policy Cookie Policy Amministrazione Trasparente Credits P.IVA 01614080305